ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News
IL TELESCOPIO ITALIANO IN CILE

Apparizioni fugaci per VST

Stelle giovani e massicce immerse in una nebulosa catturate dal telescopio dell’ESO. Video

L’occhio di VST ha immortalato un vasto ammasso di nubi di gas rossastro, RCW 106  illuminato da stelle massicce molto giovani e ancora sepolte dalla nebulosa. Il telescopio per survey è istallato presso il quartier generale cileno dell'ESO  Paranal ed  è stato realizzato  in Italia dall'Istituto Nazionale di Astrofisica.


RCW 106 è una nube tentacolare di gas e polvere a circa 12 000 anni luce da noi, nella costellazione del Regolo. Le regioni della stessa tipologia osservate finora, sono costituite da  nubi di idrogeno gassoso ionizzato dall'intensa luce stellare di giovani stelle caldissime che le conferiscono forme inusuali.


La nebulosa è già da tempo oggetto di studio da parte degli scienziati anche se la loro attenzione era rivolta più verso l’origine misteriosa delle stelle nascoste all’interno di essa. Nonostante la loro forte luminosità, le stelle non appaiono molto visibili in questo tipo di luce a causa della grande quantità di polveri che le oscurano ed è perciò possibile osservarle solo in lunghezze d’onda maggiori.


Il processo di formazione delle stelle di questo genere non è ancora ben compreso dalla comunità scientifica:  sono denominate di tipo 0 e  possono avere una massa fino a molte decine di volte quella del Sole e non è chiaro come possano raccogliere, e mantenere coeso il gas necessario alla loro formazione.


Le altre due caratteristiche che contraddistinguono questa famiglia di corpi celesti sono la  brevità della loro esistenza in termini astronomici e la rarità. Le stelle di tipo 0 infatti bruciano il loro carburante nucleare in appena poche decine di milioni di anni e sono molto difficili da scovare, basti pensare che solo una su tre milioni risponde all’idenkit. Nessuna di quelle recentemente scoperta è abbastanza vicina da poterne studiare il comportamento nel dettaglio anche se è ormai certa la loro influenza nelle regioni simili a quella individuata da VST.