ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News
APOLLO 11

48 anni di Luna

La missione Apollo 11 che ha portato i primi uomini a mettere piede sul nostro satellite è arrivata al 48esimo anniversario dalla sua partenza

È stato il primo evento mediatico internazionale legato allo spazio, unico fino a quel momento in grado di tenere milioni di telespettatori incollati allo schermo.

 

Siamo al 16 luglio del 1969, quando la navicella Apollo 11 della NASA ha preso il volo dal Complesso di lancio 39 del Kennedy Space Center a Cape Canaveral, Florida, spedita nello spazio dal razzo Saturn V, alto 110 metri e pesante oltre 2mila tonnellate.

 

A bordo c’erano gli astronauti Neil Armstrong, Edwin ‘Buzz’ Aldrin e Michael Collins, che dopo quattro giorni di viaggio sono entrati nell’orbita lunare.

 

Il 20 luglio 1969, alle 22:18 ora italiana, Armstrong fu il primo uomo a mettere piede sul nostro satellite, in quello che è passato alla storia come “un piccolo passo per l’uomo, un grande balzo per l’umanità”: una frase ascoltata in diretta da circa 530 milioni di persone, compreso l’allora presidente degli Stati Uniti Richard Nixon. Il comandante della missione fu seguito poco dopo da Aldrin, mentre Collins rimase in orbita lunare, pilotando il modulo di Comando che riportò gli astronauti a casa. La missione terminò con successo il 24 luglio, con l’ammaraggio nell’Oceano Pacifico.

 

Ieri, nel 48esimo anniversario della partenza di Apollo 11, la Buzz Aldrin’s ShareSpace Foundation ha organizzato un evento di gala per ricordare la storica conquista della Luna, seguito da un’asta per finanziare future missioni spaziali.

 

Tra i vari cimeli, un pizzico di ‘polvere lunare’ depositata nella borsa utilizzata da Armstrong per portare a Terra i campioni presi dal suolo del nostro satellite – e ora in vendita tra i 2 e i 4 milioni di dollari.

 

“Ci stiamo avvicinando al 50° anniversario dell’atterraggio sulla Luna – ha commentato Aldrin – e la mia ultima ambizione è supportare le prossima generazione di pionieri spaziali. Credo fermamente che entro il 2040 i primi astronauti arriveranno su Marte, e voglio fare tutto ciò che è in mio potere per contribuire a questo traguardo.”