ASI - Agenzia Spaziale Italiana - Eventi ASI - Agenzia Spaziale Italiana - Eventi

Da Jurii Gagarin alla Stazione Spaziale

Incontro con l’astronauta Ronnie Walter Cunningham e il cosmonauta Valery Ivanovich Tokarev

Il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia e Thales Alenia Space, in collaborazione con ISS (Italian Space Society) e ASITAF (Associazione Italiana di Astrofilatelia) presentano il 50° anniversario dalla missione di Jurii Gagarin, il primo uomo a volare nello spazio.
L’evento, un’occasione unica per incontrare l’astronauta americano del programma Apollo, Ronnie Walter Cunningham, e il cosmonauta russo Valeryi Ivanovich Tokarev, si svolgerà martedì 12 aprile alle h. 18,00 a Milano, presso il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia nella Sala delle Colonne. L’ingresso è libero, fino ad esaurimento posti.

Al tavolo siederanno anche Marco Airaghi, vicepresidente ASI e Consigliere per lo spazio del Ministro della Difesa, e l’astronauta italiano Maurizio Cheli, protagonista della missione STS-75 a bordo dello Shuttle Columbia. In occasione dell’evento verrà presentato il nuovo libro di Giovanni CapraraLo spazio, il quarto ambiente. Storia di Luigi Gerardo Napolitano, pioniere della microgravità”, editore Gruppo 24 Ore. Il volume racconta la storia poco conosciuta di un italiano eccellente e delle ricerche sullo sfruttamento dell’assenza di gravità a bordo della Stazione Spaziale Europea.

 

Brevi schede biografiche degli astronauti

 

Ronnie Walter (Walt) Cunningham
Nato il 16 marzo 1932 a Creston, Iowa (USA), nel 1951 è entrato a far parte della marina degli Stati Uniti divenendo pilota di caccia, incarico che ha ricoperto fino al 1956 quando è stato congedato con il grado di colonnello.
Laureatosi in fisica nel 1960 presso la University of California di Los Angeles ha in seguito conseguito il master presso la stessa università. Terminati gli studi è diventato ricercatore presso la Rand Corporation dove ha compiuto importanti studi sulla magnetosfera terrestre.
Cunningham è stato astronauta NASA dal 1963 al 1968 anno in cui, insieme a Walter M. Schirra e Donn F. Eisele, ha fatto parte del primo equipaggio umano del progetto Apollo (missione Apollo7) aprendo di fatto la strada allo storico sbarco sulla Luna di Armstrong e Aldrin dell’anno seguente. La missione Apollo 7, che ha completato 163 orbite attorno alla Terra in circa 11 giorni, ha permesso di effettuare fondamentali test sugli apparati di volo consentendo allo stesso tempo di eseguire importanti indagini fisiologiche sugli astronauti; in questa missione Cunningham ha rivestito il ruolo di comandante (virtuale) del modulo lunare.
Dopo l’esperienza nel progetto Apollo, Cunningham ha fatto parte del team che ha sviluppato il laboratorio spaziale americano Skylab che si può considerare uno dei progenitori dell’attuale Stazione Spaziale Internazionale.
Ritiratosi dalla NASA nel 1971 si è laureato presso la Harvard Business School nel 1974 svolgendo in seguito attività di manager per diverse aziende private alcune delle quali fondate da lui stesso.
Ha al suo attivo circa 4500 ore di volo, 263 delle quali nello spazio.
Nel 2008 la NASA gli ha conferito una delle sue più alte onorificenze, la Exceptional Service Medal, per la sua partecipazione alla missione Apollo7.

 

Valery Ivanovich Tokarev
Nato il 29 ottobre 1952 a Kap-Yar, nella regione dell’Astrakhan, attualmente risiede a Star City, il centro spaziale russo alle porte di Mosca dove è cosmonauta presso il Centro Addestramento Astronauti intitolato a Yuri Gagarin.
Divenuto pilota di caccia nel 1973 alla Scuola d’Aviazione Stavropo, nel 1993 si è laureato all’Accademia Gagarin dell’Aeronautica Militare mentre, nel 1997, si è laureato in Scienze Amministrative presso l’Accademia Nazionale di Economia.
E’ stato pilota e collaudatore di prima classe pilotando 44 diversi velivoli e sommando circa 3000 ore di volo.
Assegnato al corpo degli astronauti nel 1997, dal 1998 è stato comandato come rappresentante russo presso il Johnson Space Center di Houston dove nel 1999 è stato assegnato alla missione Shuttle STS-96 destinata a preparare la Stazione Spaziale Internazionale a poter ricevere il suo primo equipaggio permanente.
Nel 2005 Tokarev è stato il comandante della navicella Soyuz TMA-7, partita dal cosmodromo di Baikonur, nella dodicesima spedizione verso la Stazione Spaziale Internazionale. Qui Tokarev è rimasto per circa sei mesi compiendo due passeggiate nello spazio per un totale di 11 ore di attività extraveicolare.
A Tokarev, ritiratosi nel 2008, è stato conferito l’ambito titolo di Eroe della Federazione Russa.

Maurizio Cheli
Nato in provincia di Modena il 4 maggio 1959 è stato dal 1992 al 1996 astronauta dell'Agenzia Spaziale Europea e dell'Agenzia Spaziale Italiana.
Ha frequentato l'Accademia Aeronautica di Pozzuoli conseguendo il relativo diploma nel 1982. Ha una laurea in Scienze Aeronautiche e un Master in Ingegneria Aerospaziale conseguito presso la Houston University. Dal 1988 svolge attività come pilota collaudatore; in questa veste ha seguito lo sviluppo del celebre caccia di ultima generazione Eurofighter Typhoon.
Nel 1996 è stato il primo italiano a rivestire il ruolo di mission specialist nella missione Space Shuttle STS-75 durante la quale fu sperimentato il satellite Tethered TSS-1R.
Cheli ha trascorso oltre 15 giorni nello spazio.