ASI - Agenzia Spaziale Italiana - Missioi e Progetti ASI - Agenzia Spaziale Italiana - Missioi e Progetti

PEGASUS – Ricevitori Gnss Safety of Life

Platform of Enhanced Gnss receiver for Application in Sol User Segment

Il progetto PEGASUS (Platform of Enhanced Gnss receiver for Application in Sol User Segment) ha l’obiettivo di promuovere gli sviluppi tecnologici di ricevitori di navigazione satellitare GNSS (in particolare GPS, GALILEO ed EGNOS) per le applicazioni di tipo “Safety-of-Life” (SoL). 

 

L’obiettivo del progetto e’ lo sviluppo di tecnologie italiane e di una piattaforma di ricevitore di navigazione comune, utilizzabile negli ambiti applicativi di tipo SoL quali aeronautico, ferroviario e marittimo. Inoltre, l’attivita’ si propone di studiare gli impatti del segnale Galileo PRS (Public Regulated Service) su una architettura classica di ricevitore SoL per una futura implementazione congiunta (SoL+PRS) e le tecnologie di ricevitori PRS caratterizzati da un’elevata continuità e affidabilità del servizio; questi potranno essere utilizzabili in futuro in svariate applicazioni governative di tipo civile.

 

 

 

Il progetto si propone di favorire ritorni per la comunita’ scientifica, industriale e per gli enti nazionali attraverso:

 

- uno sviluppo tecnologico italiano in un settore (quello della navigazione satellitare) in forte espansione, soprattutto considerando l’avvento di nuovi sistemi quali Galileo, modernizzazione di GPS, EGNOS, futura modernizzazione di GLONASS e nuovi sistemi quali QZSS e COMPASS; 

 

- l’utilizzo sempre piu’ imminente dei sistemi di navigazione satellitare in tutti gli ambiti del trasporto sia come sistemi di backup che come sistemi primari di navigazione;

 

- ritorni per gli enti nazionali governativi in applicazioni SoL e PRS;

 

- sviluppo di partnership tra la comunita’ scientifica (universita’ ed enti di ricerca) nello sviluppo di tecnologie e algoritmi e l’industria italiana nello sviluppo di un prodotto innovativo e competitivo;

 

- possibilita’ di generare brevetti.

 

Il progetto consta di tre fasi:

 

(1) ricerca e sviluppo di elementi tecnologici innovativi, caratterizzanti gli ambiti applicativi SoL, quali algoritmi e tecniche di mitigazione degli interferenti e del multipath, tecniche di acquisizione e ri-acquisizione veloce del segnale GNSS, tecniche ti integrazione con sistemi inerziali e tecniche di integrità  del segnale.

 

(2) fase realizzativa, a livello prototipale, del ricevitore utente che integra, quanto più possibile le tecniche e le tecnologie studiate e sviluppate nella prima fase. Il ricevitore è concepito come una piattaforma comune per tutte le applicazioni SoL.

 

(3) fase dimostrativa del ricevitore in ambiente reale SoL (dimostrazione ferroviaria).

 

 

 

Altre informazioni

 

 

Il ricevitore utente rappresenta un elemento tecnologico chiave ed è il cuore del segmento utente, essendo la principale interfaccia fisica tra il sistema e l’utente, trasformando il segnale (Signal-In-Space - SIS) in servizi per il cittadino.

 

Grazie alla disponibilità dell’informazione di integrità, l’utilizzo del GNSS nelle cosiddette applicazioni “Safety of Life” (SoL) può essere considerato sia per EGNOS che per Galileo. I settori dell’aviazione civile, della navigazione marittima e del trasporto ferroviario, insieme ad altri quali i servizi di emergenza e soccorso, rappresentano i settori principali per le applicazioni SoL. La principale caratteristica dei ricevitori utente per le applicazioni SoL è la capacità di identificare guasti o anomalie che possono provenire dalla costellazione, dal Segnale trasmesso, dall’ambiente o dal ricevitore stesso e di fornire all’utente finale un’informazione di navigazione sempre attendibile e con un determinato grado di confidenza.

 

Inoltre, questa tipologia di ricevitore deve essere generalmente sottoposta ad un rigoroso processo di certificazione, secondo le norme specifiche dell’applicazione di riferimento. Deve inoltre poter garantire un’elevata robustezza nelle condizioni operative. Le comunità aeronautiche, ferroviarie e marittime stanno procedendo con sempre maggior determinazione nello studio e sperimentazione dei sistemi di navigazione satellitare e stanno definendo specifiche, processi e regolamentazioni per l’inserimento di ricevitori GNSS negli apparati di bordo.

 

Con la messa in servizio del sistema EGNOS safety-of-life, con la messa in orbita dei primi satelliti Galileo e con l’evoluzione pianificata dei nuovi segnali GPS civili (L2C e L5), la necessità di avere dei prodotti tecnologici utilizzabili e certificabili per le varie applicazioni è sempre più forte. 

 

Durata del progetto: 22 mesi (Ottobre 2010 - Agosto 2012).