ASI - Agenzia Spaziale Italiana - Missioi e Progetti ASI - Agenzia Spaziale Italiana - Missioi e Progetti

SIR-C/X-SAR 1-2 / SRTM

SIR-C/X-SAR 1-2

Si tratta di due missioni di Osservazione della Terra, pianificate e portate a termine all’interno di un programma di collaborazione tra ASI, NASA e DARA (nome all'epoca dell’Agenzia Spaziale tedesca, oggi DLR). La prima, della durata di 10 giorni, si è svolta nell'Aprile del 1994; mentre la seconda, durata 12 giorni, nell’autunno dello stesso anno.


Queste due missioni hanno rappresentato un significativo passo in avanti nell’uso di sistemi radar immagine avanzati (in banda L, C e X), portati in orbita dallo Shuttle. Permettendo, grazie alla sofisticata strumentazione, di approfondire ulteriormente la conoscenza della superficie terrestre. In particolare hanno fornito la prima opportunità di produrre immagini radar dallo spazio utilizzando dati in diverse bande di frequenza; il primo sensore immagine ad alta risoluzione installato su piattaforma spaziale che utilizzi dati in multipolarizzazione; il primo radar immagine multiparametro, che ha fornito la copertura in stagioni differenti.

Le attività di competenza ASI per la parte di processamento dei dati delle prime due missioni, sono state le seguenti:
    "screening" ed elaborazione in modo survey di tutti i dati grezzi in banda X acquisiti durante la missione.
    Elaborazione di precisione dei dati grezzi
    Geocodifica dei dati di precisione.
    Generazione di ulteriori prodotti come:
    "raw-data" annotati su CCT,
    immagini SAR in formato complesso (parte reale ed immaginaria,
    prodotti registrati multifrequenza e multitemporali;
    prodotti sperimentali interferometrici
    fornitura di servizi sia verso gli altri centri di elaborazione (JPL e D-PAF) che verso la comunità scientifica coinvolta nella missione (incluse le attività connesse alla catalogazione, archiviazione e distribuzione dei dati e dei prodotti generati).


Il numero uno della NASA Daniel Goldin dichiarò nel 1994 che le due missioni ebbero negli USA una risonanza seconda solo allo sbarco sulla Luna.
 

 

SRTM

Con la Shuttle Radar Topography Mission (SRTM) l’Agenzia Spaziale Italiana, la NASA e la DARA hanno esteso nel 2000 la collaborazione avviata con le missioni SIR-C/X-SAR nel 1994.  SRTM ha infatti utilizzato (sei anni dopo, nel 2000) la medesima strumentazione dei due precedenti esperimenti, modificata. L’obiettivo era misurare la topografia della superficie terrestre. I dati acquisiti con gli strumenti di SIR-C, sono stati processati per generare  nuovi dati di altezza con un’accuratezza verticale di circa 16 metri con un secondo di arco di latitudine e longitudine. L’interferometro X-SAR ha fornito dati non contigui con un’accuratezza verticale di circa 12 metri.L’ASI ha partecipato alla missione SRTM fornendo alcuni sottosistemi della strumentazione radar, hardware e software per il sistema di controllo, un processore interferometrico “quick look” e gli aggiornamenti dei processori dell’ I-PAFF.