ASI - Agenzia Spaziale Italiana - Missioi e Progetti ASI - Agenzia Spaziale Italiana - Missioi e Progetti

SWIFT

Alla scoperta dell'origine dei "lampi gamma"

Linea Tematica Astrofisica 
Responsabilità Missione NASA
Data Lancio 20 novembre 2004 
Fine Missione prolungata in modo non definito
Sito Web http://swift.gsfc.nasa.gov

 

 

 

Descrizione
Swift è una missione della classe MIDEX - NASA dedicata all’astrofisica delle alte energie realizzata in collaborazione con Italia e Regno Unito. Swift è un osservatorio multibanda che fa seguito all’esperienza acquisita con il satellite BeppoSAX.  E' stato lanciato con successo il 20 Novembre 2004 e tutti gli strumenti di bordo hanno fin da subito funzionato regolarmente producendo dati di ottima qualità scientifica. 

 

La durata della missione era stata inizialmente stabilita in due anni ma, grazie ai successi scientifici, alle buone condizioni del satellite e degli strumenti nonché alla stabilità dell’orbita (sulla quale si stima Swift possa permanere fino ad oltre il 2025), la missione è stata successivamente prolungata più volte ed è ancora attiva.

 

Fino ad ora sono stati pubblicati centinaia di lavori scientifici in riviste con referee tra cui numerosi articoli che annunciano scoperte importanti sui prestigiosi giornali NATURE e SCIENCE.  L’eccellenza scientifica dei risultati e’ stata riconosciuta nel 2007 con l’assegnazione del premio Bruno Rossi dell’American Astronomical Society al team scientifico di questa missione.


Swift è un osservatorio spaziale in grado di osservare rapidamente ed autonomamente sorgenti esplosive come i Gamma Ray Burst (GRB) e altri eventi celesti transienti mediante l’utilizzo dei suoi tre strumenti di bordo: il Burst Alert Telescope (BAT), l'X-Ray Telescope (XRT), e l'UltraViolet/Optical Telescope (UVOT).


Le operazioni in orbita sono effettuate utilizzando la stazione di terra di Malindi. I dati scientifici sono inviati al Mission Operation Center situato in Pennsylvania (US) tramite la rete ASINeT. I dati vengono poi processati al GSFC (anche con software prodotto in Italia da ASDC) e vengono poi inviati tramite InterNet ai tre centri dati della missione, HEASARC, UKDC e ASDC per l’archiviazione e la distribuzione  alla comunità scientifica generale.

 

Obiettivi Scientifici
Gli obettivi scientifici di Swift consistonon in : a) determinazione  dell'origine dei Gamma-Ray Burst  (GRB) e di usarli per studiare l'Universo lontano.  b) Realizzazione di una survey del cielo mella banda 15-100 keV  con lo strumento BAT.


Contributo Italiano
L’Italia contribuisce al progetto Swift formendo i seguenti elementi: a) specchio del telescopio XRT e sua calibrazione, b) base di Ma lindi e ASI-NET c)  software scientifico e archivio presso ASDC. I team scientifici italiani partecipano milto attivamanete alle attivita’ scientifiche della missione.