ASI - Agenzia Spaziale Italiana - Missioi e Progetti ASI - Agenzia Spaziale Italiana - Missioi e Progetti

VERTA

Vega Research and Technology Accompainment

Il programma VERTA (Vega Research and Technology Accompainment) è stato deciso dagli Stati Partecipanti al programma Vega con l’obiettivo di dimostrare la flessibilità delle prestazioni e di supportare l’avvio della fase operativa del nuovo piccolo lanciatore della famiglia europea, favorendo il raggiungimento di una cadenza stabile di due lanci all’anno.

 

Il programma include principalmente 3 elementi:

-       l’acquisto di un numero (inizialmente cinque) di voli dimostrativi del lanciatore, per altrettante missioni dell’ESA;

-       attività volte al miglioramento dei servizi offerti al Cliente;

-       attività tecnologiche e di accompagnamento alla produzione

 

I voli VERTA sono dedicati alle seguenti missioni ESA: Proba-V, IXV, Lisa Pathfinder. Grazie ad un immediato interesse dimostrato dal mercato commerciale verso il piccolo lanciatore europeo, gli ulteriori due voli che il programma VERTA aveva acquistato sono stati ‘rivenduti’ per missioni commerciali.

 

Il primo volo VERTA, con a bordo la missione Proba-V dell’ESA, dedicata all’osservazione della terra ed alla mappatura della vegetazione, è avvenuto il 7 maggio 2013, dopo circa un anno dal volo di qualifica di Vega. Grazie a questo volo, è stato qualificato anche il nuovo software di guida del lanciatore, concepito e sviluppato interamente in Italia. Il lanciatore ha inoltre realizzato la sua prima missione ‘multipayload’, utilizzando un apposito adattatore che ha permesso di mettere in orbita, oltre al payload principale, anche un piccolo satellite per il Viet-nam ed un ‘cube-sat’ dell’Estonia.

 

Nell’ aprile del 2014 il terzo volo di Vega ha inaugurato l’attività commerciale, portando in orbita il primo carico pagante: il satellite DDZ commissionato dal Kazakhstan, che con le sue immagini della terra in alta risoluzione servirà per la mappatura del suolo, il monitoraggio delle risorse naturali ed agricole, e per supporto in caso di disastri naturali.

Un importante appuntamento per VEGA è stato il lancio di IXV avvenuto l'11 febbraio 2015 . Si è trattato della prima missione su orbita equatoriale di Vega, dopo le precedenti missioni su orbite intorno alla regione polare. Il carico utile il  veicolo di rientro sperimentale dell’ESA, IXV (Intermediate eXperimental Vehicle), è stato rilasciato in una traiettoria suborbitale cheha raggiunto circa 400 km di quota. Dopo una fase di volo balistico il veicolo, sviluppato sotto guida italiana, è rientrato  nell’atmosfera fino ad ammarare nell’Oceano Pacifico, dove è stato recuperato  per verificarne ed analizzarne le condizioni e recuperare i dati tecnici e scientifici di bordo.


I successivi appuntamenti di Vega ricadono a breve distanza nel corso del 2015.
Il satellite Sentinel-2A lanciato il 23 giugno 2015 è stato il secondo carico pagante di Vega. Insieme con il ‘fratello’ Sentinel 2B, il cui lancio è previsto nel 2016, costituiscono un elemento del programma Copernicus (prima noto come GMES) della Commissione Europea, che ha per obiettivo complessivo l’implementazione di una capacità autonoma europea di osservazione della terra in diversi ambiti specialistici.


La missione Lisa Pathfinder concluderà il periodo VERTA: il lancio è previsto a ottobre 2015, e si tratterà di nuovo di una missione su orbita equatoriale. Lisa Pathfinder è una missione tecnologica dell’ESA, e testerà in volo la capacità di misurare le onde gravitazionali a bassa frequenza, in preparazione della futura missione scientifica LISA.